Godzilland – Un viaggio fantastico dal mondo perduto a Jurassic Park

Anno : 17 dicembre 2016 - 26 febbraio 2017
luogo :

Padova, Centro Culturale
Altinate San Gaetano

tipologia di incarico :

Allestimento

committente :

Arcadia Arte Srl

curatore:

Fabrizio Modina

gruppo di lavoro :

Carlo Pavan, Nicola Pavan,
Giorgia Pirrioni e Tania Sarria

fotografia :

Alessandra Bello

La mostra, curata da Fabrizio Modina e inaugurata nel dicembre 2016, racconta la storia e l’evoluzione del Dinosauro nella Pop Culture, testimoniando la costante presenza di queste ingombranti e amate creature nella quotidianità di generazioni e generazioni. “Godzil-land” conduce il visitatore in un viaggio tra fantasia e fantascienza attraverso le testimonianze provenienti: dal cinema, dall’animazione, dalla televisione, dalla letteratura, dal fumetto, dalla musica e dal videogioco.

La mostra è realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova in collaborazione con Arcadia Arte e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, in contemporanea alla grande mostra di assoluto carattere scientifico “Dinosauri. Giganti dell’Argentina”.

 


L’exhibit minimale recupera, riadattandoli, buona parte dei dispositivi offerti dal Centro Culturale stesso e rilegge le strutture già presenti rendendole parte integrante dell’allestimento. Le griglie metalliche della controsoffittatura diventano l’occasione per disegnare le gabbie dei mostri, nascosti in una selva di piante selvagge, e le pareti che portano quadri, dischi e piante arrampicanti. Le teche con i loro basamenti diventano grattacieli distrutti dall’attacco dei godzilla in un onda pop che colora gli ambienti per sezioni tematiche che richiamano la nostra voglia di tornare bambini.

 


“Godzil-land” esula dall’ambito della paleontologia ma si propone di indagare il fascino di queste icone del fantastico. Creature placide e benefiche oppure crudeli e sanguinarie a seconda del regista o dello scrittore che le interpreta. Una mostra divisa in otto sezioni, ognuna dedicata ai diversi media di comunicazione, che raccolgono testimonianze provenienti da collezioni private e musei come ad esempio il Museo Nazionale del Cinema di Torino, Il MUFANT o il Museo Fermo Immagine di Milano. Le centinaia di “reperti” esposti in questa mostra sono immagini, manifesti, animation cel, racconti, modelli da collezione e videogiochi, testimonianze fondamentali delle arti della cultura popolare della nostra epoca.